“Tumba Francesa” : a Cuba si danza alla francese

Il viaggio a Cuba dello scorso febbraio di Bruno Cherubini, ha portato lui e la sua macchina fotografica alla riscoperta delle tradizioni più antiche dell’isola, che inevitabilmente sono legate alla tratta degli schiavi africani e alla violenta e sistematica deportazione dall’Africa Centro Occidentale alle piantagioni dei coloni europei delle isole dei Caraibi.

Sembra  in particolare che una parte dei coloni francesi fuggiti da Haiti e riparati a Santiago di Cuba a seguito di una violenta rivolta di schiavi, avessero ripreso qui a produrre canna da zucchero attraverso l’impiego di schiavi africani e avessero riportato sull’isola alcune tradizioni francesi, come ad esempio danze tradizionali.

Da qui, l’obbligo per gli schiavi a servizio della colonia di indossare abiti ispirati alla Corte di Versailles.

Successivamente, durante l’ ultimo quarto del XVIII secolo, sull’isola di Cuba gli stessi coloni permisero agli schiavi di danzare durante le feste, e la “Tumba Francesa” rappresenta proprio il risultato di questo sincretismo tra le tradizioni africane più antiche a base di ritmi di “congas” e la cultura francese del tempo.

Tumba deriva da “tambours“, termine importato dai coloni francesi.

Al seguente link è possibile osservare l’intero corpus del reportage fotografico che racconta la preparazione e la rappresentazione di una performance di Tumba Francesa, danza ancora molto sentita nella cultura del sud dell’isola, che oltre a tramandare  le origini africane della popolazione nera si lega alla religione della Santeria: anch’essa risultato del sincretismo tra antiche religioni animiste africane con la religione Cristiana.

 

Link dal sito di National Geographic Italia

 

tumba francesa tumba francesa tumba francesa tumba francesa tumba francesa

, , ,

No comments yet.

Lascia un Commento