One Billion Rising – Reagire è un Diritto

ONE BILLION RISING è un cortometraggio di Eve Ensler e del regista sud africano Tony Stroebel.

Una donna su tre sul nostro pianeta è stata violentata o percossa durante la sua vita. Il breve cortometraggio, così dirompente nel suo messaggio, ci mostra come la violenza contro le donne sussiste nella vita quotidiana di molte, da ogni angolo del globo: dall’Afghanistan all’Australia, dagli Stati Uniti al Perù, dal Sud Africa alla Gran Bretagna.

“La danza ci aiuta a dimenticare i pensieri negativi. Il dramma mi ha reso più forte” dichiara Jane Mukuninwa. Vittima di stupro nella Repubblica Democratica del Congo è sostenitrice di One Billion Rising.

Un miliardo di donne violate piuttosto che stuprate o maltrattate è una grave atrocità. Il 14 Febbraio 2013, in occasione del quindicesimo anniversario del V-Day, un miliardo di donne che danzano rappresenterà una rivoluzione.

Dopo aver visto questo cortometraggio ci si augura dunque che arrivi la motivazione per condividere la campagna di  ONE BILLION RISING.

Una donna della Repubblica del Gambia, in Africa, lancia un appello e spiega perchè vuole aderire a One Billion Rising:

Donne Sud Africane da Johannesburg aderiscono lanciando svariati appelli:

Anche le donne del Sud Asia si sollevano, postando un video significativo su youtube:

Il 14 Febbraio 2013, attiviste, scrittrici, artiste, celebrità, donne e uomini di tutto il mondo danzeranno e si alzeranno per dare un segnale, per esprimere il loro dissenso e una volta per tutte mettere fine con la loro protesta alla violenza sulle donne. Una protesta che usa la danza come mezzo espressivo e metaforico. Una denuncia corale che vede la libertà della donna esprimersi attraverso il movimento, l’emancipazione di corpo e mente agli occhi di sè stesse e del mondo, per non dimenticare il passato e indicare un nuovo futuro all’insegna della civiltà.

Anche A.S.D. Americana Exotica (Corsi di danze tribali e Beni Culturali) di Bergamo vuole farsi portavoce di questa causa organizzando un evento ONE BILLION RISING nella propria città previsto per il 2 Febbraio 2013.

 

http://www.vday.org/home

 

A NI Mal in Italia: febbraio 2013

A seguito del successo nel novembre 2011 con lo stage di Camron One-Shot e del recente evento “Who’s that Lady?” ecco che Vittoria Paccotti propone un nuovo appuntamento, questa volta organizzato insieme ad Alessia Goldoni. L’artista invitato è A NI Mal e le locations degli workshops saranno quelle di Mirandola e di Torino, rispettivamente il 9 e il 10 Febbraio.

Appuntamento imperdibile!

Ding Dong: nient’altro che ballo!

Si chiama Ding Dong e i dancefloor sono il suo habitat naturale, visto che li popola sin da quando è un likkle youth. “Skip To My Loo”  e “Holiday” sono al momento i suoi più grandi successi, capaci ancora oggi di far letteralmente scatenare la danz.

Anche il nuovo video si consuma nel nome del ballo. La canzone è “Snap Back” ed è uscita questa estate sul Pyramid riddim della Beatz Promotion.

Alle sue canzoni lega dei passi di ballo, che poi nel giro di poco diventano tormentoni. Nel 2008 e ancora oggi spopolava ad esempio “Bad Man Forward, Bad Man Pull Up” (con annessa canzone interpretata da Elephant Man), una danza dall’incedere tribale inventata proprio da Kemar Ottey (vero nome del deejay-ballerino).

Non bisogna inoltre dimenticare come il ballo in una realtà come quella jamaicana diventi un modo non violento e creativo di sfogare le proprie insoddisfazioni per la mancanza di opportunità e di conseguenza di futuro. E infatti intorno a Ding Dong gravita un pianeta conosciuto con il nome di Ravers Clavers (crew da lui fondata dove al momento gravitano militano 18 persone), il cui arrivo in una danz è sempre un momento suggestivo e di grande divertimento.

Ballo, ballo, niente altro che ballo: “Non importa quello che accade, so solo che devo danzare ogni notte” – ama dire nelle interviste. Ding Dong ha già girato il mondo e ovunque è stato accolto con grande partecipazione. Una leggerezza la sua che si riflette anche nei testi, che comunque hanno il pregio di non decantare la violenza ne in generale la negatività:

“Le mie parole devono essere ascoltate dai bambini come dallo loro madri. Nella mia musica non troverete spazzatura” – afferma con orgoglio il deejay, che consapevole della sua influenza sui giovani non si è sottratto a qualche brano con il quale affrontare temi più seri, cosa accaduta per esempio in “Responsible Parents” con la quale affronta il delicato e difficile mestiere di genitore.

Kami Liddle a Roma

Kami Liddle

Kami Liddle, danzatrice statutinetense, coreografa e art director delle Tribal Bellydance Superstars, sarà a Roma il 9 Febbraio per la sua unica data italiana di tutto il 2013!!!

Una giornata intensiva di 6 ore, una full immersion di tecnica nuova e stilizzazione Tribal Fusion ideata dall’artista unicamente per il suo mini-tour europeo del 2013.

Il numero delle partecipanti sarà limitatissimo, per garantire una mini formazione intensiva ed esclusiva.

Per saperne di più: http://about.me/latifabellyfusion

Crocodile & Badman Style

Elephant Man non ha perso occasione: sulla cresta dell’onda di Gangnam Style del rapper coreano PSY, si butta in un remake dal titolo Badman Style. Inutile aggiungere che la scelta si è rivelata ottima dando spazio alla creatività di molti ballerini.

Dopo aver registrato Badman Style, l’Elefante si coalizza con il ballerino Ding Dong, che nel video ufficiale sopra postato esegue una serie di steps insieme ad altri su una base musicale ormai famosa in tutto il mondo.
Nel videoclip, il brano è abbinato a quello di Crocodile, titolo ispirato proprio dall’animale esotico che in Giamaica si può osservare nel Black River; i passi osservabili sono quelli di croc, la danza inventata dai Ravers Clavers, gruppo di ballerini fondato da Ding Dong stesso, il quale già tra la fine del 2011 e l’inizio del 2012 aveva registrato insieme a Johnny Bravo la canzone Croc e aveva fatto uscire l’omonimo video con la danza.

The Italian Dancehall Job

L’evento nasce da una passione comune e dalla voglia di condividere una giornata insieme all’insegna della DANCEHALL.
Un evento 100% all’italiana con stages, pizzata e dj set con Bergamoreggae in serata.

Siamo coscienti dell’averlo organizzato dopo la fine del mondo, ma prendendoci il rischio vogliamo provarci..e anche riprovarci nel caso in cui anche voi apprezziate!

Per le iscrizioni: richiedere il formulario a Decio o Beatrice.

Attenzione: posti limitati!

Ethiopia Mi Seh: vestire la danza

“Creare è dare una forma al proprio destino.”

Albert Camus

“In ogni attività creativa, colui che crea si fonde con la propria materia, che rappresenta il mondo che lo circonda. Sia che il contadino coltivi il grano o il pittore dipinga un quadro, in ogni tipo di lavoro creativo l’artefice e il suo oggetto diventano un’unica cosa: l’uomo si unisce col mondo nel processo di creazione.

Erich Fromm

“L’amore che si attua, che si immedesima nelle cose è trasmissibile.”

Mario Tobino: Le libere donne di Magliano (1953)

Chriss indossa una sua creazione

Si chiama Christian, ma gli amici la chiamano Chriss.

E’ nata e cresciuta ad Addis Abeba, in Ethiopia, e dal 2005 vive in Italia. Questa ragazza piena di talento non è solo una ballerina, una Dancehall Queen conosciuta in Italia per il suo fruttuoso sodalizio con Alevanille e Mad Mike (Mactitude crew), ma è un’artista a pieno titolo. Lo possiamo facilmente osservare dando anche solo un’occhiata alle creazioni della sua linea di abbigliamento e accessori realizzati totalmente a mano: Ethiopia Mi Seh.
Essendo una ballerina, creava inizialmente questi capi di vestiario per i suoi spettacoli; successivamente, ricevendo apprezzamenti e commenti positivi da molte persone e con il supporto di familiari e amici, è riuscita a trasformare questa meravigliosa attività nel suo lavoro.
L’ obiettivo, afferma l’artista, oltre a quello di produrre sempre pezzi unici, è combinare lo stile e la cultura Etiope con quelli Occidentali, cercando di essere sempre originale e soddisfare ogni esigenza.

Qui, sulla pagina ufficiale della collezione, potrete osservare le sue creazioni:
http://www.facebook.com/ethiopiamisehclthng?fref=ts

Abiti di Chriss durante una sfilata
Mactitude crew: Chriss, Mad Mike, Alevanille
Alevanille indossa una creazione di Chriss
Una bellissima creazione di Chriss: abito tricolore